Studio Peritale Pitzianti | Mafia, ex Generale Mori e il colonnello Obinu assolti anche in appello
Lo Studio Peritale Pitzianti è un innovativo laboratorio tecnico di informatica forense tra i più importanti in Italia ed è specializzato nelle perizie foniche e analisi forensi, nella computer forensic, nell'analisi dei tabulati telefonici, trascrizioni intercettazioni, rilevamento delle celle, tracciati e percorsi GPS ed estrazione dei dati da dispositivi mobili, nella grafologia falso documentale, nell'analisi di immagini e video e opera a livello nazionale ed internazionale. Per lo svolgimento delle attività peritali abbiamo a disposizione i più moderni ausili tecnologici hardware e software oggi essenziali per il lavoro del perito fonico. I nostri professionisti del laboratorio sono specializzati nelle traduzioni dei dialetti (calabrese, siciliano, campano, sardo, ecc...) e anche delle lingue straniere (rumeno, albanese, africane, ecc...) per quanto concerne le intercettazioni ambientali e telefoniche.
15769
post-template-default,single,single-post,postid-15769,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-1.0,qode-theme-studio peritale pitzianti,wpb-js-composer js-comp-ver-5.3,vc_responsive
 

Mafia, ex Generale Mori e il colonnello Obinu assolti anche in appello

Mafia, ex Generale Mori e il colonnello Obinu assolti anche in appello

Lo studio ha preso parte alle operazioni peritali e contraddittorio peritale a Palermo nel processo Bagarella più altri, a sostegno del Generale Mario Mori su nomina dell’ Avv. Basilio Milio.

Nel processo di primo grado erano bastate poco meno di otto ore di camera di consiglio per emettere la sentenza di assoluzione per il generale Mario Mori e il colonnello Mauro Obinu perché “il fatto non costituisce reato”. Questa volta, nel processo d’appello, ce ne sono volute quasi ottanta di ore…

Guarda l’articolo completo: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Mafia-mario-Mori-Mauro-Obinu-assolti-anche-in-appello-carabinieri-bbb8e863-1d37-4160-acec-d8f7cb0a6202.html